Il Trecento (parte 5)

Gli scacchi nel mondo – Chaucer, Petrarca

Nel 1300 gli scacchi si diffusero ampiamente nel mondo allora conosciuto e non solo nelle regioni dell’Europa (dove formalmente vigevano la condanna della Chiesa e i divieti di molti sovrani).
Si giocava per esempio in Cina: Marco Polo (1254-1324) ne accenna ne “Il Milione” dove si legge che Kublai Kan era un attento giocatore di scacchi; si trattava probabilmente degli ‘scacchi cinesi’ che sono abbastanza diversi dai nostri e quindi diversi dal gioco che si usava a quell’epoca in Italia e in Europa.
La miniatura “Le delizie della città di Quinsay” mostra due persone che in giardino giocano a scacchi.

Forse anche Marco Polo sapeva giocare a scacchi, assai diffusi a Venezia ai suoi tempi; ricordiamo per esempio che un ‘editto’ della Repubblica della Serenissima del 1293 aveva vietato praticamente tutti i giochi tranne uno solo, gli scacchi appunto, considerati leciti per le qualità analitiche, scientifiche e matematiche. Leggi tutto “Il Trecento (parte 5)”