Il Festival di Sanremo e gli scacchi

Frankie hi nrg mcDieci anni fa, nel 2008, gli scacchi apparvero a sorpresa sul palcoscenico del Festival della Canzone di Sanremo grazie a Simone Cristicchi che, in qualità di ospite, nella terza serata cantò insieme al ‘rapper’ Frankie Hi Nrg il brano La rivoluzione”.

Frankie Hi Nrg partecipava al Festival tra i Campioni

I due cantanti, Cristicchi vestito di bianco, Frankie vestito di nero, giocarono una simbolica partita a scacchi mentre interpretavano la canzone, facendo alla fine cadere entrambi i Re.

A parte questo simpatico episodio, la cittadina di Sanremo è importante per gli scacchi per tre importanti tornei: il primo organizzato nel 1911 per celebrare i primi 50 anni dell’Unità d’Italia, che fu anche il primo torneo internazionale femminile disputato in Italia; era in concomitanza con il torneo maschile e per richiamare le giocatrici (alla fine furono in otto al via) nel bando che annunciava il torneo era scritto che “al Casinò Municipale la Tosca e l’Othello, interpretati in modo meraviglioso, si succedono ai concerti ove primari artisti sono giornalmente applauditi da sceltissimo e numeroso pubblico.” Partecipò per l’Italia la contessa Fossati di Torino, che la rivista “Italia Scacchistica” definì “la coraggiosa rappresentante italiana”, pubblicando poi una classica fotografia di gruppo delle partecipanti, le cui fattezze però si perdono sotto gli enormi cappelli allora di moda.

Il secondo evento fu il grande torneo del 1930, al quale prese parte Alexander Alekhine , allora campione del mondo, che vinse con netto vantaggio.

Infine nel 2001 il Campionato della NATO (12’ edizione), un vero e proprio campionato del mondo per i militari di leva o di carriera,  vinto da Piero Bontempi di Ancona, allora in servizio di leva in Marina. A questa competizione presero parte 61 giocatori in rappresentanza di 9 nazioni; da ricordare che gli Stati Uniti inviarono cinque Marines, quattro dei quali due giorni prima avevano partecipato alla azione di attacco in Afghanistan!

Massimo Bontempelli

Massimo Bontempelli (Como, 12 maggio 1878 – Roma, 21 luglio 1960) è stato uno scrittore, saggista, drammaturgo, poeta, compositore, e giornalista.

Ebbe una vita intensa e politicamente controversa, ma a noi Bontempelli interessa dal punto di vista scacchistico. Non sappiamo se e dove abbia imparato il gioco, ma sicuramente lo conosceva dato che nel 1922 pubblicò un romanzo breve dal titolo “La scacchiera davanti allo specchio”. E l’anno dopo su ‘La Terza pagina’ di Milano pubblicò un articolo in cui scrisse una delle frasi più celebri sugli scacchi: Leggi tutto “Massimo Bontempelli”

Euwe Machgielis (Watergraafs-meer 20.5.1901 – Amsterdam 26.11.1981 = Olanda)

Euwe MachgielisMax Euwe, professore di matematica e poi direttore di un istituto di elettronica, era un grande appassionato del gioco; non si dedicò mai al professionismo e dovendosi occupare del lavoro e della famiglia poté dedicarsi agli scacchi giocati unicamente durante le vacanze: tuttavia vinse tutti i campionati olandesi cui prese parte dal 1921 al 1952, conseguendo un ulteriore titolo nel 1955: complessivamente 12 successi. Inoltre nel 1928 divenne Campione del mondo ”amatori”, vincendo il torneo giocato a L’Aia. Leggi tutto “Euwe Machgielis (Watergraafs-meer 20.5.1901 – Amsterdam 26.11.1981 = Olanda)”