I pezzi e la loro disposizione

All’inizio della partita ciascun giocatore ha in dotazione 16 pezzi. Quello che dispone dei pezzi chiari viene chiamato “Bianco”, quello che dispone dei pezzi scuri viene chiamato “Nero”.
La dotazione dei pezzi è uguale per entrambi i giocatori e consiste in
un Re ……..notazione  R
una Donna ….    “      D (impropriamente detta anche Regina)
due Torri…..    “      T
due Cavalli…    “      C
due Alfieri…    “      A
otto Pedoni…    “      P (tuttavia per i Pedoni di solito non si usa la  notazione)
I pezzi del Bianco occupano sempre le traverse 1 e 2 (cioè la prima e la seconda traversa), mentre quelli del Nero occupano sempre le traverse 7 e 8 (cioè la settima e l’ottava).
I pezzi occupano tutte le caselle contigue delle quattro traverse sulle quali sono disposti, senza che vi siano case vuote tra l’uno e l’altro.
I Pedoni occupano completamente la seconda e la settima traversa e si trovano davanti allo schieramento dei pezzi veri e propri. Ciascun pezzo si fronteggia con un avversario equivalente: abbiamo infatti le Torri sulle colonne più laterali, quindi “a” e “h”, i Cavalli sulle colonne “b” e “g”, gli Alfieri sulla “c” e sulla “f” e infine le colonne centrali sono occupate dalla Donna e dal Re.
La disposizione del Re e della Donna è pure ben precisa e prefissata: bisogna infatti collocare sempre la Donna sulla casella centrale del proprio colore (Donna bianca su casa bianca. Donna nera  su casa nera),  mentre il Re deve trovarsi sulla casella centrale di colore opposto al proprio.  Rispetto alla notazione della scacchiera, il Re occuperà inizialmente sempre la colonna “e”, la Donna sempre la colonna “d”.