Albert Einstein

(Ulma, 14 marzo 1879 – Princeton, 18 aprile 1955) fisico e filosofo tedesco naturalizzato svizzero e statunitense, vincitore del Premio Nobel per la Fisica nel 1921.

Einstein fu grande amico di Emanuel Lasker, che era stato campione del mondo di scacchi dal 1894 al 1921, che conobbe a Berlino nel 1927 e con il quale condivise l’appartamento sempre a Berlino nel 1930.

Nel 1931 apparve un libretto dal titolo “Cento Autori contro Einstein” che contestava la teoria della relatività: tra gli autori anche Lasker!

Einstein giocava a scacchi, ma solo con gli amici; in una intervista al New York Times del 1936 affermò che aveva imparato e giocava da ragazzino, ma da adulto nei momenti di relax preferiva cose che non impegnassero la mente e gli scacchi erano troppo intellettuali; inoltre riteneva di non avere il necessario “spirito fieramente competitivo, proprio invece di Lasker”.

Einstein scrisse una prefazione alla biografia di Lasker scritta da Jacques Hannak in cui affermò che “Gli scacchi tengono in catene, imprigionano la mente e il cervello, limitando la libertà anche dei più forti”.

 

Di Einstein viene tramandata una partita che sarebbe stata giocata con il fisico Robert Oppenheimer, suo famoso collega. Si tratta probabilmente di un falso, dato che inizialmente la partita venne indicata come giocata a Princeton nel 1933, ma poi fu appurato che Oppenheimer non era a Princeton quell’anno; così poi fu indicata come giocata genericamente negli Stati Uniti nel 1940.

 

  1. Einstein – R. Oppenheimer

Princeton, USA, 1933 – United States 1940

Partita Spagnola

1.e4 e5 2. Cf3 Cc6 3. Ab5 a6 4. Aa4 b5 5. Ab3 Cf6 6. 0-0 C:e4 7. Te1 d5 8. a4 b4 9. d3 Cc5 10. C:e5 Ce7 11. Df3 f6 12. Dh5+ g6

diagramma 1

  1. C:g6 h:g6 14. D:h8 C:b3 15. c:b3 Dd6 16. Ah6 Rd7 17. A:f8 Ab7 18. Dg7 Te8 19. Cd2 c5 20. Tad1 a5

  1. Cc4 d:c4 22. d:c4 D:d1 23. T:d1 Rc8 24. A:e7 (1-0)